Chassagne Montrachet 1er Cru La Maltroye Heitz Lochardet 2014

Lontano dallo stereotipo degli Chassagne-Montrachet opulenti ed aromatici, questo grande Chassagne Montrachet è teso e minerale, di grande purezza e luminosità. Già estroverso in gioventù, beneficerà in termini di complessità da un ulteriore affinamento in bottiglia.
Servire a:: 10°-12°C
Tipo di bicchiere:
Agricoltura:
coltivazione organica
lotta integrata

74,00 €
  • Cantina: Heitz Lochardet
  • Annata: 2014
  • Denominazione: Chassagne Montrachet
  • Uvaggio: Chardonnay
  • Gradazione: 12.5%
  • Paese: Francia
  • Regione: Borgogna
  • Formato: Bottiglia 0,75 lt
  • Tipologia: Vino Bianco
  • Abbinag(i)usto:
    Alici del Mar Cantabrico
    Formaggi stagionati
    Legumi
    Pesce azzurro al forno
  • Bottiglie prodotte:
  • Disponibile
  • Codice prodotto: HEIVFCMMXX
Heitz Lochardet

Heitz Lochardet

Intorno al 1865 George Lochardet acquistò dalla famiglia Nié-Vantey  (costretta a vendere a causa dei problemi portati dalla fillossera) diversi ettari di vigna nella Cote de Beaune. Alla sua morte, Armand ereditò metà delle vigne, che passano quindi di mano ai suoi tre figli Bernard, Chaterine e Brigitte. Quest’ultima sposò Christian Heitz nel 1983.  Le vigne furono concesse in affitto alla Maison Drouhin, concordando una viticoltura biologica. Nel 2011 un altro Armand,  figlio di Brigitte, diventa enologo e gradualemente riprende la gestione di tutte le vigne di famiglia, oggi condotte in regime di biodinamica, non ancora certificata. A partire dalll’annata 2013 è iniziata la commercializzazione con l’etichetta attuale del Domaine. Dal 2015  vengono coltivati  circa 5 ettari di vigne, per la maggior parte nei migliori cru della Côte de Beaune. Nei prossimi anni, alla scadenza dei contratti di affitto, il Domaine ritornerà  gradualmente in possesso di tutte le altre vigne di proprietà.

La filosofia di Armand, giovane ambizioso e dalle idee molto chiare,   prevede vini rispettosi delle caratteristiche dei terroir, puri e fini piuttosto che di struttura e potenza. I vini bianchi rispecchiano esattamente questa filosofia.  I vini  rossi, seppur adatti per costituzione anche a un consumo nel breve-medio periodo, beneficiano di un periodo di affinamento per sviluppare aromaticamente le componenti apportate dalla vinificazione a grappolo intero.

© 2015 - eCommerce by Marketing Informatico