Barsac 1er Cru Chateau Coutet 2014

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Bianco Dolce
Uvaggio Semillon - Sauvignon Blanc - Muscadelle
Denominazione Barsac
Annata 2014
Gradazione 14.0%
Cantina Chateau Coutet
Formato Bottiglia 0,75 lt
Agricoltura convenzionale
Paese Francia
Regione Bordeaux
Abbinag(i)usto Burro salato, Coscio d'Anatra Confit, Crostacei, da solo come medicina, Dessert al cucchiaio, Fegato grasso d'oca, Formaggi

Chateau Coutet è l'etichetta che rappresenta al meglio la tradizione di casa, 1er Grand Cru già dal 1855, con il suo carattere distintivo dalle uve di Semillon, Sauvignon Blanc e Muscadelle di circa 38 anni di età, vendemmiate a mano in passaggi successivi per raccogliere i grappoli nel loro momento migliore, tra fine Settembre ed inizio Novembre. La presenza della muffa nobile, la Botrytis Cinerea, è un dono che richiede grande maestria e molto lavoro manuale per poterne raccogliere i frutti. Invecchia in botti di rovere francese per 18 mesi, metà circa di primo passaggio.

I 3 Sensi
Barsac è il vino dolce botritizzato, fresco e tagliente in gioventu, gioca su note di fiori, agrumi, ananas sul fondo di miele e vaniglia, arricchito dai sentori di zenzero. Per chi ha tempo di attenderlo, con l'invecchiamento lo Chateau Coutet regala sentori di marmellata, frutta candita, e spezie, aumentando la componente aromatica dovuta alla Botrytis. In bocca l'inconfondibile densità e lunghezza di finale.
Agricoltura convenzionale
SKU
COUVFBAXX
59,00 €
Non disponibile
Tipo di bicchiere

No Related Posts

Chateau Coutet

Chateau Coutet

Nel 1787 un Thomas Jefferson, ambasciatore in Francia, che divenne poi presidente degli Stati Uniti, dichiarò Chateau Coutet come il miglior Sauternes di Barsac. Ancora oggi i suoi prodotti sono conosciuti in tutto il mondo per la tradizionale qualità che li contraddistingue. La cantina per l'invecchiamento dei vini è la piu lunga della AOC, con i suoi 110m, utilizzati fino al 19 secolo come stalla per i cavalli. Produttori di vini dal 1643, la tenuta era stata fondata già nel 13 secolo come fortezza militare inglese. Il particolare connubio tra umidità mattutina e secco pomeridiano, favorisce la formazione della muffa nobile, la Botrytis, che attacca gli acini e ne concentra gli aromi, imprimendo al contempo un tratto olfattivo gustativo molto caratteristico. Le profonde radici delle piante più anziane estraggono il meglio dai suoli calcareo argillosi, caratterizzati dalla presenza di ciottoli che garantiscono il corretto smaltimento delle acque in eccesso ed il giusto riscaldamento della pianta. Pochissime aree al mondo possono vantare un ambiente così ottimale per lo sviluppo della Botrytis Cinerea, il fungo che da vita ai famosissimi Sauternes-Barsac.