Quanto ci influenza l’etichetta di un vino?

Quanto influenza l'etichetta di un vino? Per scoprirlo ecco una sfiziosa idea regalo per condire le tue degustazioni.

Nonostante San Valentino sia alle porte, oggi disquisiremo sul coperto integrale, ovviamente parlando di bottiglie di vino.

Se il vestito è l'etichetta in un vino, quanto l'abito non fa il monaco?

Ecco un modo per degustare un vino senza farsi influenzare da nulla!

"Un'etichetta accuratamente realizzata può farci pensare che la bottiglia è molto più costosa di quella che è, e può aumentare il nostro piacere del vino stesso".  Così scrive David Schuemann di CF Napa Brand Design  nel suo nuovo libro, 99 Bottles of Wine, The Making of the Contemporary Wine Label.

Schuemann svela la psicologia nascosta dietro a etichette di aziende di maggior successo. Il libro propone un ventaglio di etichette di vino che "solleticano il nostro subconscio e ci costringono a prendere una bottiglia dallo scaffale".

etichetta: quanto influenza?

Per i curiosi dell’aspetto emozionale, non c’è niente di peggio che farsi un’idea a priori.

E’ una forma di discriminazione incredibile che abbraccia i codici e il consenso dettato. Sia in senso positivo che negativo.

Essendo il vino un “alimento” per la mente e per il cuore, molto spesso si è influenzati da provenienza, vitigno, etichetta, ma anche dal momento che ci ricorda l’assaggio di quel vino.

Ovvio che l’occhio vuole la sua parte, ovvio anche che è indiscusso avere più aspettative da un Barolo che da un Dolcetto.

Tutto è un discorso di equilibrio e di obiettività.

Detto questo, il punto di questo articolo non è l’obiettività ma il divertimento e vi assicuriamo che il gioco si potrebbe fare davvero curioso.

Ecco perché vi proponiamo questo gioco per condire la vostra cena di San Valentino: scegliete un menù, abbinateci un vino, ma svelatevi a poco a poco.

Servite il vostro vino coperto con le “chaussette” e solo a fine serata mettete a nudo… le vostre scelte s’intende! (peccato che voi non potete giocare liberamente)

etichetta: quanto influenza?


Concentrarsi sul vino in sé ci permette di dedicare del tempo ai nostri sensi e a metterli a confronto con l’altro. La sorpresa è scoprire che a volte sembra non assaggiare lo stesso vino nello stesso momento. Questo gioco si dovrebbe fare più spesso e non solo per il vino.

Blind Tasting Sleeve

E se invece chi legge è un ristoratore, non vorrà mica farsi trovare impreparato? Ecco che il gioco delle chaussette può trasformare la serata in qualcosa di simpatico, che i commensali ricorderanno a lungo.

Al via qualche proposta:

Le Trame

Se vi siete conosciuti da poco e questo è il vostro primo San Valentino insieme, avrete bisogno di un vino intrigante e affascinante per conoscervi meglio tra un brindisi e l'altro. Le Trame Podere Le Boncie 2014 è la bottiglia che fa al caso vostro: godurioso ed elegante.

Cour Cheverny Les Saules Hervé Villemade 2016

Per coppie in cui invece l’armonia è la parola d'ordine, Cour Cheverny Les Saules Hervé Villemade 2016 è la scelta più adatta: un vino bianco di carattere, elegante con note di frutta matura dolci e fresche.

Champagne Bulle De Comptoir #5 C'est Joli Charles Dufour

Per la coppia frizzante, tra un brindisi e un selfie, lo Champagne Bulle De Comptoir #5 C'est Joli Charles Dufour promette scintille e non solo nella sera di San Valentino.

Cortese Ròo Rocco Di Carpeneto 2016

In occasione di una cena dove la sorpresa è protagonista, anche nei piatti proposti, un Cortese Ròo Rocco Di Carpeneto 2016 e uno

Cheverny Rouge Hervé Villemade 2016

Cheverny Rouge Hervé Villemade 2016 sono le etichette con cui brindare.

Six Roses Petillant Naturel La Porte Saint Jean 2015

E se prima di cena vogliamo servire un aperitivo? Non ci sono dubbi: farete una splendida figura con un Six Roses Petillant Naturel La Porte Saint Jean 2015 e, se vorrete rimanere in territorio italiano,

Prosecco di Valdobbiadene Rive di San Giovanni Extra Dry Riva Caselle

il Prosecco di Valdobbiadene Rive di San Giovanni Extra Dry Riva Caselle.

Bicchiere Degustazione Vino Zalto Universal

Da non sottovalutare, infine, la mise en place. Per esaltare profumi e sapori avrete bisogno del giusto bicchiere.

Il bicchiere Zalto, oltre a essere il tocco di design della vostra tavola, esalterà il vostro vino e conquisterà con finezza anche le persone più difficili da stupire.

E se la cena, tra chiacchiere e risate, mette a rischio la freschezza della vostra bottiglia, la glassette vi terrà a lungo e alla giusta temperatura ogni vino, anche in un formato Magnum per brindisi di una certa importanza!

Secchiello Marchiato Galli Enoteca

Per chi ha pensato di prendere per la gola la propria metà, magari con un godurioso dessert al cioccolato, un bel bicchiere di Baillaury 5 Ans d'Age Abbe Rous c’est la classe.Banyuls Baillaury 5 Ans d'Age Abbe Rous

 La serata non finisce con la cena, non dimentichiamolo!

Vodka Belvedere Unfiltered

Una colonna sonora selezionata a dovere, una Vodka Belvedere Unfiltered o un bicchiere di rum, magari La Hechicera, potrebbero essere i perfetti ingredienti per un San Valentino memorabile.

Ron La Hechicera

Buona serata in compagnia della persona e del vino giusti!

Ps. Non dimenticarti della chaussette e di spogliarla (la bottiglia) a fine serata.



Prodotti Correlati