Clos De La Coulée De Serrant 2009

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Bianco
Uvaggio Chenin Blanc
Annata 2009
Bottiglie prodotte 25000
Gradazione 13.5%
Cantina Coulée De Serrant
Formato Bottiglia 0,75 lt
Paese Francia
Regione Loira
Abbinag(i)usto Formaggi

Clos De la Coulée de Serrant 2009 è un vino biodinamico del Domaine diretto da Nicolas Joly, padre della viticoltura biodinamica prima in Francia e poi nel mondo.

Solo 7 ettari situati su pendii molto rigidi, che dominano la Loira, le viti sono di "chenin" hanno più di 35-40 anni di età media; i più vecchi con più di 80 anni danno trasportano l'originalità del luogo negli anni. In parte coltivato con il cavallo o a mano, la produzione media è di 20/25 ettolitri per ettaro (40 autorizzati). Il terreno lontano dal folto (20 con 40 cm di media) si trova su un obliquo di fondo rosso scisto che drena perfettamente le viti.

L'orientamento delle piste è specialmente Sud / Sud-Est. La vendemmia viene effettuata 5 volte per 3 o 4 settimane per ottenere la maturità più colorata possibile e la più marcata dalla botrite.

Vinificazione: in barrique di 500 litri (mai più del 5% di legno nuovo).

I 3 Sensi
Giallo dorato, al naso sorprende con l'eleganza di albicocche e pesche mature, miele. In bocca, il vino è fresco perché riporta sapori di frutta associata ad un'estesa mineralità. La pulizia estrema e le sensazioni aromatiche evolvono pian piano fino al gran finale persistente, fine ed estremamente armonico.
Agricoltura lotta integrata
SKU
CDSVFCDS09
81,00 €
Non disponibile
Tipo di bicchiere
Servire a: 8°-10°C

No Related Posts

Coulée De Serrant

Nicolas Joly and its vineyards

Il Coulée di Serrant fu piantato nel XII secolo (1130) dai monaci Cisterciens e da allora è rimasto sempre in vigna. L'anno 2018 è quindi l'888 ° annata consecutiva. Il vecchio piccolo monastero che fa sempre parte della proprietà è classificato con l'inventario degli edifici storici.

Un AOC è caratterizzato dal suo suolo e dal suo microclima. Affinché le viti possano cogliere perfettamente queste originalità, si sono adottati metodi rigorosi di gestione dei vigneti (dal 1984 tutti ii vigneti sono biodinamici).

I 3 aspetti più importanti di questo metodo sono: compost sulle viti che provengono dalle mucche, la coltura di copertura naturale composta da una dozzina di diverse specie di piante autoctone interessanti che sono cresciute intorno alle viti e, non ultimo, una minima aratura del terreno per evitare di mescolare i diversi strati del suolo.

Nella sezione lavorata dai cavalli le viti hanno quasi un secolo e il terreno è completamente arato.

Nicolas Joly, che è considerato il padre della viticoltura biodinamica nel vino: "Questo è capire che l'agricoltura può diventare di nuovo un'arte, l'arte di saper comprendere e consigliare collaborando con le forze che danno vita alla Terra. Questa è soprattutto la porta che è stata aperta dalla biodinamica. Ed è per questo motivo che si è sviluppato in modo così ampio, specialmente in viticoltura, perché tocca un cliente appassionato che è sempre più sensibile alla verità del gusto.

La verità del gusto - un concetto chiave sul quale il torchio è stranamente silenzioso, muto, e pensa, per quale ragione?"

Prodotti della Cantina