Faro Bonavita 2013

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Rosso
Uvaggio Nerello Mascalese - Nerello cappuccio - Nocera
Denominazione Faro D.O.C.
Annata 2013
Bottiglie prodotte 5000
Gradazione 13.0%
Cantina Bonavita
Formato Bottiglia 0,75 lt
Agricoltura coltivazione organica, senza solfiti aggiunti
Paese Italia
Regione Sicilia
Abbinag(i)usto Arrosti di carne, Grigliate di Carne, Zuppe di pesce

Faro è una piccolissima Doc, nell’estremo lembo a oriente di terra siciliana, dove Tirreno e Ionio si confondono, sopra lo stretto di Messina. Fare il viticoltore nella sua terra, questo era il suo desiderio di Giovanni Bonavita quando rientra a Faro da Bologna dopo aver conseguito la laurea in Agraria nel 2004. Coltiva due ettari e mezzo di vigna in collina ove sono presenti solo varietà autoctone, il Nerello Mascalese e Capuccio, e il Nocera. In parte viti giovani e in parte piante di età ragguardevole, sessant’anni su terreni misti di argilla e tufo calcareo. Per il Faro Bonavita Rosso il contatto tra bucce e mosto avviene in vasche d’acciaio per almeno due settimane, movimentando di frequente la massa per poi procedere a una soffice pressatura col torchio manuale. Tonneaux e barrique non nuove ospitano il vino per quattordici-diciotto mesi prima di essere imbottigliato.

I 3 Sensi
Il Faro Bonavita ha un naso avvolgente, con toni austeri, riconducibili a qualche nebbiolo dell'alto Piemonte. Il vino lasciato nel bicchiere assume poi le sue caratteristiche mediterranee, con toni di timo e gelso. In bocca è elegantissimo, fine, con un tannino setoso e fitto e una speziatura da vino evoluto che mostra la sua complessità. E' allevato su vigne ad alberello, vecchie di 60 anni. Sulle vigne viene praticata una viticoltura naturale: senza utilizzo di concimi chimici, apportando sostanza organica attraverso sovesci annuali di leguminose; non vengono utilizzati erbicidi ed insetticidi, vengono applicati oculati interventi di potatura verde per limitare allo stretto necessario i trattamenti antiparassitari effettuati a bassi dosaggi di rame e zolfo. Durante la vinificazione non viene aggiunta solforosa e altri additivi chimici; si punta invece su lunghe macerazioni con frequenti follature manuali. Appena 4000 bottiglie prodotte.
SKU
BONVIFAXX
24,00 €
Non disponibile
Tipo di bicchiere
Servire a: 12°-14°C

No Related Posts

Bonavita

Bonavita

L'azienda Bonavita si trova nel villaggio di Faro Superiore sui monti Peloritani, su quella lingua di terra chiusa tra il mar Tirreno e il mar Ionio, che si specchia nello Stretto di Messina, luogo ricco di storia e leggende. Parlano di questi luoghi Omero, Virgilio ed Ovidio e li descrivono fecondi e salubri, dal clima mite e dal panorama aperto e armonioso. Il villaggio di Faro Superiore era chiamato anticamente Casale del Faro dal popolo greco che lo fondò e qui si dedicò alla coltivazione delle vigne, tanto da far diventare la città rilevante nel commercio e nell'esportazione del vino in molte regioni della Francia.

Sotto il nome Bonavita si nascondono Emanuela, Carmelo, Giovanni e Francesco Scarfone piccoli vignaioli a Faro Superiore. I vigneti sorgono su ripidi terrazzamenti a 250 m s.l.m., circondati da un bosco di querce e castagni secolari, a formare un anfiteatro naturale affacciato sullo Stretto di Messina. Qui si coltivano solo vitigni autoctoni come il Nerello Mascalese, il Nerello Cappuccio ed il Nocera, con un'età che va dai 6 ai 60 anni e più.

Una sola filosofia: quella di conservare e rispettare l'ambiente in cui si vive, prendendo coscienza del contesto in cui si sviluppano i vigneti e mettendo così ogni singola pianta in condizione di dare il meglio di sè per permettere ai vini di essere vera espressione del territorio.