Rosso Terre Siciliane Halara 2022
Servire a: 10°-12°C
Tipo di bicchiere

Rosso Terre Siciliane Halara 2022

HALVIROXX
disponibile
16,00 €
Tasse incluse


Il vino rosso Halarà nasce da una vigna recuperata dai Vignaioli Amici, in località Contrada Abbadessa a Marsala.

Le vigne, coltivate ad alberello Marsalese, sono di Parpato, una rarità ormai nell'isola. Il terreno è perlopiù composto da argille molto compatte e calcare nel sottosuolo. Le sei geniali menti hanno lavorato in cantina con un pò di sperimentazione per capire, come questo vitigno sconosciuto a quasi tutti, si sarebbe comportato.

Una parte delle uve è stata pigiadiraspata e ha fermentato sulle bucce per circa 25 giorni. La restante uva (circa il 40%) è stata invece pigiata con grappolo intero e ha subito una macerazione per due settimane.

La fermentazione spontanea avviene in contenitori di acciaio, l'affinamento ha una durata di 6 mesi ed avviene a contatto con le fecce fini.

I 3 Sensi
Naso ampio e gradevole, con un ricordo di amarene e a seguire spezie, alloro, cannella e noce moscata. Colpisce la schiettezza del frutto che si sbilancia su note più agrumate, ad esempio di pompelmo rosa. Sorso gradevole, caldo e slanciato, che chiude con un agrume vivace. La bocca è vellutata, estremamente setosa. Il richiamo al palato è segnato da una salinità affascinante.

Halara

halara cantina

"Pole Pole" in lingua Swahili, nei territori del Kenya e della Tanzania, significa "piano piano" e non c'è turista che, per almeno il tempo di soggiorno, non si faccia sua questa filosofia.

La stessa cosa succede al "Gruppo Vacanze", ormai consolidato, di 6 vignaioli amicissimi e bravissimi che da questa filosofia hanno preso spunto in Grecia dove "Halarà" è la traduzione Hellenica del "fai con calma" o se preferite del "rilassati e rifletti".

L'idea nasce dal momento in cui questa vigna benedetta, non lontana dalle vigne di Nino Barraco, rischia di essere persa per sempre. I nostri contadini si rinboccano le mani e decidono di custodirla. Le piante, tutte coltivate ad alberello marsalese, crescono appunto a Marsala, con un bellissima esposizione a nord, baciate dal sole e dal vento del Mediterraneo.

Le uve a bacca bianca sono di Catarratto e le uve a bacca rossa di Parpato, un vitigno quasi estinto e sul quale sono state fatte le prime vinificazioni e si sono avute le prime risposte positive.

Perbacco! Non vi abbiamo detto da chi è formato il gruppo dei 6 talentuosi vignaioli: Nino Barraco, Giovanni Scarfone (Bonavita), Francesco Ferreri (Tanca Nica), Corrado e Valeria Dottori (La Distesa), Francesco De Franco (A' Vita) e Stefano Amerighi da quel di Cortona.

Un sogno per tutti gli enoappassionati di vini artigianali: vederli insieme e, ancor più, assaggiare un vino comune. 

Prodotti della cantina

Prodotti correlati

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

Prodotto aggiunto alla Lista dei Desideri
Prodotto aggiunto al confronto