Rieffel

la vigna del domaine rieffel

Convertito al regime biologico a partire dal 2009/2012 e ormai saldamente ancorato ai dettami della biodinamica Lucas Rieffel nel corso degli anni si è assunto non pochi rischi preferendo rinnovare i suoi impianti vitati per mezzo di selezioni massali dei tralci migliori e più antichi piuttosto che commissionarli a un vivaista come più usuale....E questo nella ferma convinzione che l' unica via sia quella di "ottenere vini puri e di grande concentrazione in grado di riflettere le molteplici sfaccettature del terroir di Barr". Densità di impianto a cavallo tra i 6500 e gli 8500 ceppi per ettaro. Un mix di argille, marne, granito e calcare unite a una traccia salina mutuata dagli antichi mari sono il substrato geologico alla base di quell'approccio minimalista in vigna e in cantina finalizzato a un risultato nel calice espressivo e identitario mai dimostrativo e di eclatante bevibilità. Nei vini di Lucas, tutti ottenuti  da fermentazioni spontanee e con nessuna solfitazione in fase di vinificazione, non si trova alcuna traccia di "quell'Alsazia  tradizionale e d'antan " che troppo spesso ha piegato le peculiarità del terroir a istanze di spiccata aromaticità, intensità fruttata o persino a residui zuccherini dalla concezione vagamente infantile. 

 

5 elementi

per pagina
Imposta la direzione crescente

5 elementi

per pagina
Imposta la direzione crescente