Quota N Vino di Contrada Eduardo Torres Acosta 2018

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Rosso
Uvaggio Nerello Mascalese - Nerello Cappuccio - Grenache - Francesina - Carricante - Minnella
Denominazione Vino Rosso
Annata 2018
Bottiglie prodotte 500
Gradazione 13.5%
Cantina Eduardo Torres Acosta
Formato Bottiglia 0,75 lt
Agricoltura coltivazione organica, sostenibile
Paese Italia
Regione Sicilia
Abbinag(i)usto Carni bianche, Carni rosse, Formaggi, Primi Piatti di Carne

È una storia molto bella quella di quota N un vino rosso dall’anima da bianco, giocato sulla freschezza e L’acidità, quasi come un bianco.
Le vinificazioni di Eduardo sono in sottrazione generalmente dando spazio al frutto, un questo caso la freschezza diventa la vera spina dorsale del vino. Acidità e profondità minerale.
Il vigneto ad alberello è bellissimo: circa 3 terrazzamenti ampi disposti ad anfiteatro, con i loro muretti a secco originali dai quali fuoriescono anche delle vigne stesse, ed un piccolo casolare di pietra al centro. Un luogo meraviglioso nel bosco, che da una sensazione di incontaminato e selvatico. Non lontana si vede la cima dell’Etna ben più vicina rispetto alla media dei vigneti.
Vigneto interamento su piede franco.

I 3 Sensi
Eduardo Torres ha imbottigliato questi "Vini di Contrada" per esprimere il suo potenziale. Mano attraente e vino sussurrato. Una gioviale freschezza slancia il vino su un'idea di bianco, completata da un'idea di frutto molto vicina alle finezza dell'albicocca. Il vino si distende su note di profondità, speziate e erbacee. Sottilissima e di precisione la parte succosa del vino.
SKU
ETAVIQNXX
34,00 €
Tipo di bicchiere
Servire a: 10°-12°C

No Related Posts

Eduardo Torres Acosta

Eduardo Torres Acosta

Eduardo Torres Acosta è originario di Tenerife. Il padre,postino dell'isola,  possedeva un piccolo appezzamento che ha permesso ad Eduardo di avvicinarsi alla viticultura. Spinto dalla curiosità decide di partire per andare a visita la Sicilia dove incontra Arianna Occhipinti e per la quale inizia a lavorare nel 2012, per poi entrare come enologo a Passopisciaro. Eduardo riesce grazie all'apoggio di alcune persone consapevoli del suo potenziale, a trovare dei piccoli appezzamenti di terra da prendere in affitto e gestire per conto proprio. La ricerca delle vigne è stata maniacale per trovare infine piccole parcelle di vigne vecchie con la maggiore varietà possibile e impianti in parte ad alberello. Tutte le vigne si trovano sul versante Nord del vulcano, principalmente tra i 600 e gli 800 metri. L'approccio di Eduardo è il meno interventista possibile per dei vini che sono veri specchi dell'impervio territorio dell'Etna. L'attuale produzione si aggira attorno alle 12.000 bottiglie totali.