Verdicchio di Matelica Oppano Sergio Marani 2018

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Bianco
Uvaggio Verdicchio
Denominazione Verdicchio di Matelica
Annata 2018
Bottiglie prodotte 5000
Gradazione 13.0%
Cantina Sergio Marani
Formato Bottiglia 0,75 lt
Agricoltura lieviti indigeni, lotta integrata
Paese Italia
Regione Marche
Abbinag(i)usto Crostacei, Formaggi di media stagionatura, Legumi

Il naso affinato di Francesco Bordini ha fiutato un altro vigneto "fuori categoria". E' Oppano (letteralmente mi fai Ombra) essendo la vigna esposta a Nord e quindi quella in ombra e rivolta verso il mare. Le vigne vecchie e un microclima perfetto costruiscono una impalcatura che sostiene con forza questa espressione di verdicchio di Matelica. Vinificazione e affinamento in grandi tonneau esistenti e utilizzati fin dagli anni 50, con tanto di strato tartarico a ricoprire le pareti oltre che alimento essenziale per la freschezza del vino che riposa all'interno. 

I 3 Sensi
Grande rivelazione del 2020 questo indiscutibile campione di leggerezza aromatica e spessore minerale. Un verdicchio come non se ne assaggiavano da tempo a Matelica, un'intuizione perfettamente riuscita. Naso eterno e gustoso con flussi di noce moscato e zolfo, frutta secca e fiore di mandorlo. Maestoso nell'ingresso con una prepotenza che calamita il palato al centro della bocca e lo rilascia dopo una lunga masticazione. Le sensazioni minerali ruotano dappertutto , capaci di persistere a lungo.
Codice prodotto
MARVIOPXX
14,00 €
Non disponibile
Tipo di bicchiere
Servire a: 8°-10°C

No Related Posts

Sergio Marani

Sergio Marani

Dal Vocabolo San Nicola a Matelica si apre un panorama con vista spettacolare: verso Sud le montagne innevate dei Sibillini con un prolungamento verso est della catena montuosa che finisce a Fabriano.



Circondate da queste alture le bellissime vigne dell'azienda Agricola Sergio Marani: un pezzo di storia di Matelica, sconosciuto a molti ma noto a chi beve quotidianamente vino sfuso.



Sergio Marani nasce nelle vigne assieme al padre e al nonno che di viti ne hanno piantate e soprattutto custodite. Dagli anni '80 è il suo turno e continua a produrre vino sfuso eccezionale, da vigne vecchie inserendo anche il trebbiano che si trova nel mezzo dei filari. Ecco che la scintilla scatta anche nei figli, in particolare in Nicola, che frequenta l'istituto agrario e successivamente l'Università di Enologia e entra in azienda con la volontà di esaltare il patrimonio viticolo della famiglia.


Succede poi che un giorno il mitico Francesco Bordini di Villa Papiano (azienda dell'Appennino Tosco-Romagnolo) passeggia nelle vigne di Marani e tutto si materializza immediatamente, come se fosse un disegno universale. Ne diventa il consulente e il resto del racconto lo vediamo oggi nell'azienda Sergio Marani e nei vini.



Gente vera i Marani che non vuole lasciare per strada un briciolo di tradizione e di eredità. Gli otto ettari di terreno vengono gestiti con sovesci, potatura secca, e diradamenti che caratterizzano la coltivazione della vite legandola a principi di alta qualita e rispetto per l'ambiente.


I vecchi tonneau, da sempre utilizzati tanto da avere all'interno uno strato di 5 cm di tartrati accumulati negli anni, sono i contenitori per la vinificazione e l'affinamento. Qui dentro passa anche il trebbiano che viene vinificato in purezza, partendo dalle piante più vecchie della proprietà.

E anche i due vini d'eccellenza San Nicola, vigna esposta a sud e Oppano, vigna esposta a nord sostano in questi vecchi contenitori che sono una benedizione per il contatto del vino con l'ossigeno.

E per chi vuole passare nei paraggi .....si affina anche il vino sfuso, una vera perla !!!!


Non fatevelo sfuggire.