Verdicchio Riserva Gli Eremi La Distesa 2013

Maggiori Informazioni
Tipologia Vino Bianco
Uvaggio Verdicchio
Denominazione Verdicchio dei Castelli di Jesi
Annata 2013
Cantina La Distesa
Formato Bottiglia 0,75 lt
Agricoltura biologica
Paese Italia
Regione Marche
Abbinag(i)usto Carni bianche, Crostacei, Pesci d'acqua marina, Risotti

Le uve provengono da una sola vigna situata in contrada San Michele, nel comune di Cupramontana. Si tratta di un territorio eccezionale per la coltivazione della vite: una conca naturale lo protegge dai venti più freddi e l’esposizione a mezzogiorno ne alza le temperature diurne. Il terreno è argilloso, sub-alcalino, fortemente calcareo.
La vigna, di circa trent'anni, è condotta secondo il sistema guyot. Si lasciano poche gemme per ottenere una resa per ettaro di circa 50 quintali (circa 35 Hl). La coltivazione secondo un rigido metodo biologico garantisce la massima espressione del terroir, esaltando la mineralità e la sapidità del vino. Il vino proviene da una selezione di sole uve Verdicchio vendemmiate in cassette in tre successivi passaggi.
La fermentazione e l'affinamento avvengono in botti di rovere di media caratura (550, 750, 1000 lt.) per circa un anno. La pressatura soffice esalta i profumi primari di fieno, salvia, menta che evolvono verso sentori di pesca bianca, mandarino, albicocca e, infine, di nocciola. La permanenza a contatto con lieviti nobili per un anno rende il vino morbido, pieno, persistente. La potenza alcolica viene equilibrata da una buona acidità che ne garantisce freschezza e pulizia.
Si tratta di un vino che evolve molto bene in bottiglia, raggiungendo il suo apice a tre/quattro anni dalla vendemmia.  Va servito fresco, meglio se dopo una breve ossigenazione. E’ abbinabile con una vasta gamma di piatti: pastasciutte, risotti, pesce, specie se saporito, carni bianche e formaggi a media stagionatura.



I 3 Sensi
La pressatura soffice esalta i profumi primari di fieno, salvia, menta che evolvono verso sentori di pesca bianca, mandarino, albicocca e, infine, di nocciola. La permanenza a contatto con lieviti nobili per un anno rende il vino morbido, pieno, persistente. La potenza alcolica viene equilibrata da una buona acidità che ne garantisce freschezza e pulizia.
Si tratta di un vino che evolve molto bene in bottiglia, raggiungendo il suo apice a tre/quattro anni dalla vendemmia.  Va servito fresco, meglio se dopo una breve ossigenazione. E’ abbinabile con una vasta gamma di piatti: pastasciutte, risotti, pesce, specie se saporito, carni bianche e formaggi a media stagionatura.



Agricoltura biologica
SKU
LADVIER13
39,00 €
Consegna in 6/7 gg lavorativi
Tipo di bicchiere
Servire a: 10°-12°C

No Related Posts

La Distesa

La Distesa

La Distesa nasce dal desiderio di produrre vini che rispettino il territorio ed i vitigni. Vini che non siano omologati al gusto internazionale dominante che richiede una facilità ed una piacevolezza costruite. Essere vignaioli per noi significa innanzitutto raccontare il territorio, con le sue mille complessità, e seguire le stagioni, con le loro evoluzioni sempre differenti.

E’ per questo che abbiamo scelto un metodo di coltivazione biologico, così da esprimere senza distorsioni ciò che la terra porta con sé, naturalmente. Essere vignaioli significa poi seguire direttamente tutto il processo produttivo, dalla terra fino al consumatore.

Da anni lavoriamo nei vigneti cercando di salvaguardare e lasciare esprimere al massimo la biodiversità, seminando tra i filari favino, veccia, pisello, erba medica e lasciando prosperare le essenze spontanee. Non concimiamo, trattiamo solo con zolfo e piccole dosi di rame. Una o due volte all'anno spruzziamo il preparato biodinamico 500 (cornoletame).

Le basse rese per ceppo, l’accurata selezione delle uve in fase di vendemmia - eseguita manualmente, in piccole cassette - le fermentazioni spontanee con lieviti indigeni, i bassi livelli di solforosa, gli attenti affinamenti sono parti fondamentali del nostro lavoro.

Nella cantina situata nell’assolata contrada San Michele di Cupramontana, la città del Verdicchio, le uve vengono vinificate per ottenere una limitata produzione di bottiglie destinate all’alta ristorazione, alle enoteche, ai privati

Recensioni dei clienti

Sempre cordiali, fornitissimo e con prezzi ottimi. AAA prodotto ricercatissimo
Ho letto di questo vino a proposito della votazione ricevuta e, essendo un vino marchigiano, terra di ottimi vini, ma con una tradizione non pari a quella di altre regioni, non mi sarei aspettato un vino davvero notevole qual'è stato. Congratulazioni al produttore e alla regione Marche che reputo bellissima.
Un exploit del 2015 su vecchie basi
Leggi tutte le recensioni