Arbois Pupillin Savagnin Pierre Overnoy 2000 0,50 L
Arbois Pupillin Savagnin Pierre Overnoy 2000 0,50 L
Servire a: 12°-14°C
Tipo di bicchiere

Arbois Pupillin Savagnin Pierre Overnoy 2000 0,50 L

OVEVFAPC11
Non disponibile
235,00 €
Tasse incluse

Quando un vigneron decide di fare il suo vino Ouillé è obbligato ad aggiungere vini di annate più recenti. Quindi possiamo dire che si ottiene una sorta di Solera, o un blend di annate. Generalmente se si porta avanti un vino con la  pratica Ouillé per 20 anni si avrà un prodotto di sole annate successive. Ma, fatto rimarcabile, il vino conserva l'impronta del vintage iniziale che integra e assorbe il contributo delle annate successive. Si ottiene così un equilibrio tra le caratteristiche della vendemmia e il lato speziato (curry, cumino, zafferano....). A questo punto il contenitore (bottiglia da 0,50 lt) gioca un ruolo importante. Più piccolo è, più il vino sarà segnato dal lato speziato e solera.

Avvisami quando disponibile

Overnoy - Houillon

Overnoy - Houillon

Pierre Overnoy è una figura emblematica nel processo di consapevolezza che ha fatto progredire i vigniaioli dello Jura e di conseguenza la sua viticoltura. la prima annata è del 1968 dopo un tirocinio alla Station Oenologique di Beaune, che lo inizia all'enologia moderna. I suoi inizi vinicoli lo collocano in un punto cardine tra la maniera tradizone di lavorare il vigneto e il vino, ovvero quella di suo padre e di alcuni vecchi vignaioli di Pupillin, e le modalità che inizano a invalere negli anni Sessanta, fondate su nuove pratiche: selezioni clonali, diserbo chimico, lieviti industriali selezionati, abuso di solfiti e di additivi vari, ecc. La via che iniziò a percorrere overnoy fu tracciata dalla scelta di non adottare queste nuove soluzioni - nonostante il loro apporto apparentemente "positivo" nel lenire la fatica del vignaiolo, quanto meno in un primo tempo -, senza tuttavia privarsi delle informazioni riportate dalle analisi enologiche, che consentono di limitare i rischi pur non eliminandoli. Un percorso che lo portò anni dopo alla decisione di sperimentare la colmatura delle bottig dedicate ai vini bianchi e di vinificare totalmente senza solfiti; un percorso arricchitosi altresì dell'apporto dei lavori di Jules Chauvet, vignaiolo e negociant del Beaujolais, ricercatore e pensatorfe del vino senza solfiti, così come dei consigli di Jacques Neuport, il divulgatore delle idee di Chauvet, e dell'esperienza di vignaioli come Marcel Lapierre e della Sua "banda" di Morgon . Un percorso che rispondeva a un solo obiettivo: la più precisa espressione possibile del terroir.

Pierre Overnoy ha ceduto l'azienda a Emmanuel Ouillony (suo figlio adottivo) dopo un decennio di lavoro assieme. Sei ettari di vigneto lavorati senza prodotti chimici nel comune di Pupillin. Ploussard , chardonnay e savagnin producono vini senza solfiti, ouillé. Con la prsssima vendemmia sarà disponibile anche la prima bottiglia di Trousseau. In vigna di raccoglie e si diraspa a mano, in cantina si lavora con un uovo in cemento per donare ai vini purezza schiettezza e nobiltà terragna.

 

Prodotti della cantina

Prodotti correlati

Prodotto aggiunto alla Lista dei Desideri
Prodotto aggiunto al confronto